10 giugno 2012

BROOKS: IL PRIMO RE DI SHANNARA

Si tratta del prologo, in un unico libro, di quelle che saranno le vicende narrate in La Spada di Shannara: l'ex druido Brona, sopraffatto dalla sua sete di magia e ora una sorta di spettro, si scaglia contro i druidi e i popoli delle varie terre scatenando la seconda guerra delle razze.
Questo libro ha successo laddove l'originale Shannara falliva: nel rispettare un canone fantasy ma adattandolo a un mondo e a un continuum propri, in modo che la vicenda risulti, nel suo piccolo, originale e interessante. Ci sono i druidi, il cui isolamento e ottusità ne causano l'autodistruzione, e c'è il druido “esiliato” più saggio e astuto, Bremen, che tira le fila dell'intera storia. Ci sono alcuni druidi appartenenti ad altre razze, Elfi e Nani, a cui toccano ruoli e destini diversi. C'è un guerriero elfico dall'anima combattuta, Jerle Shannara, che finisce per salire al trono e impugnare la spada contro il nemico. E c'è la spada, che viene forgiata unendo insieme il potere magico e la nozione scientifica.
La storia è lineare e senza troppi fronzoli, ci dice quello che dobbiamo sapere senza eccedere in digressioni inutili o senza tirar via. La scrittura di Brooks, ricca e fluente, qui non mostra quegli alti-e-bassi di altre saghe. Il rispetto della tradizione fantasy non si traduce nell'adagiarsi a un piatto schema procedendo per cliché. I personaggi sono concreti, vivi, non è concesso loro di perdersi in futilità e di annoiare il lettore. C'è una bella alchimia, poi, con altri personaggi di altre saghe shannariane (il libro fu scritto dopo il ciclo degli Eredi di Shannara). Se da un lato l'eroe di Brooks può essere sempre lo stesso uomo, nelle varie sfumature a seconda del ruolo, l'autore sembra volutamente tramandare l'“aura” di certi personaggi di saga in saga, suggerendo connessioni. E i momenti dove Bremen o Jerle Shannara si interrogano, colmi di pensieri, mi hanno fatto subito ripensare a John Ross e Nest Freemark della trilogia del Verbo e del Vuoto (scritta successivamente). Questo funziona, ed è molto bello nell'ambito di un continuum narrativo.
Il Primo Re di Shannara mi è parso, dunque, un'ottima lettura di genere con alcuni spunti davvero interessanti. Nell'ambito di Shannara è un tassello fondamentale, e di Brooks è un libro sicuramente ben scritto.
Pagella: idee alla base ***½ ; sviluppo **** ; consigliato ****

Leggi anche

Nessun commento:

Posta un commento