3 ottobre 2012

FONTAINEBLEAU: LA MORTE PER INERZIA DA BALLARD A YOUNG

C'è un sublime romanzo di James G. Ballard, Cocaine Nights, che mette in scena con stile quasi teatrale il concetto di “vita inerte”. La Costa del Sol, prestigiosa località turistica mediterranea, vive scandita dal ritmo delle feste, dei circoli sportivi, della vita balneare, che tuttavia sono poco più che mera apparenza. In realtà tutto è noia per i suoi abitanti, che vanno spegnendosi come malati terminali, mentre tentano di elevarsi al di sopra del concetto di “tempo che passa” semplicemente restando immobili all'interno di case lussuose con le televisioni sempre accese, veri e propri santuari di fine millennio. Accade allora che un uomo decide di elettrizzare l'aria compiendo dei crimini e garantendosi l'approvazione di tutti quanti. L'interazione sociale ha preso una piega diversa, malsana ai nostri occhi, ma il protagonista del romanzo – che si trova suo malgrado coinvolto negli eventi – si trova costretto a soppesare le cause della “mutazione” di Costa del Sol, e a porsi la domanda: quanto può essere giustificata una reazione radicale, come un omicidio, per scuotere una società pietrificata e senza futuro?
Il romanzo è magistrale, uno dei più recenti esempi di come Ballard vede la devoluzione della nostra specie, schiacciata sotto una pressione che essa stessa continua costantemente a creare, insita nella sua natura. Sulle psicosi metropolitane e gli status-symbol, è sicuramente Crash il libro più illuminante. Cocaine Nights, invece, si concentra sulla passività e l'inerzia che si evidenziano non tanto negli scenari urbani quanto nei luoghi di ozio.


Per Neil Young, musicista, il demone dell'inerzia si cela nell'artista: è ciò che lo conduce alla ripetizione di se stesso in nome del desiderio del pubblico, delle leggi del mercato, del declino dell'ispirazione. A questo Young risponde con l'inno “is better to burn out than to fade away” (“è meglio bruciare subito anziché svanire lentamente”) perché “rust never sleeps” (“la ruggine non dorme mai”) (la canzone è “My My Hey Hey”). La prova di questa ideologia risiede nella carriera stessa del musicista, con i suoi spostamenti imprevedibili, i suoi alti e bassi.
Ma più in generale il discorso è sull'uomo (chiunque, artista o meno) che si adagia sui propri allori e si tramuta in un'ipocrita parodia di se stesso, accettando consapevolmente questa condizione. Non solo per mera pigrizia, ma cogliendone i frutti proibiti, come nel caso del musicista idealista che diventa una ricca superstar, arricchendosi su quegli stessi ideali di semplicità che proclama, una contraddizione sulla quale il mondo musicale ha sempre discusso.
Nella canzone “Fountainebleau”, l'hotel è il simbolo di facile lusso e pigrizia, da cui l'autore rifugge: “C'è un palazzo della cuccagna / Che tiene duro e duro e duro […] Suppongo che il motivo per cui mi fa tanta paura / È che una volta mi ci fermai e quasi mi abituai / Me ne andai prima di esserne ubriaco / La gente stava affogando in se stessa / Fontainebleau, ero io quello?”
Va notato come Young e Ballard condividano, almeno in questo punto, l'immagine dell'ozioso luogo di vacanza (l'hotel nella canzone di Young, il villaggio nel romanzo di Ballard).
La celebre canzone “Thrasher” usa un linguaggio visionario e metaforico per esprimere inerzia e pietrificazione: “Avevano la miglior scelta, sono stati avvelenati dalla protezione / Non c'era niente di cui avevano bisogno, nient'altro da trovare / Si sono persi in formazioni rocciose o diventando mutazioni di panchine del parco / Sui marciapiedi e nelle stazioni stavano aspettando, aspettando […] Il motel dei compagni perduti attende con la piscina riscaldata e il bar / Ma io non mi ci fermerò, ho già il mio filare da zappare / Solo un altro solco nel campo del tempo”.
In molte altre canzoni Neil Young ci parla del coraggio e dell'esigenza di cambiare seguendo soltanto le proprie inclinazioni. Anche versi più intimi come questi ribadiscono in realtà la sua posizione: “Non ho mai cercato di tagliare i ponti / Ma so di aver lasciato perdere alcune cose buone” (“One Of These Days”) e “La stessa cosa che ti fa vivere / Può ucciderti alla fine” (“From Hank To Hendrix”).
La “morte per inerzia” in Ballard è una preoccupazione per la sorte della società e della civiltà umane, mentre in Young è prima di tutto il declino dell'uomo come individuo e in particolare dell'artista.

Altre risorse:
Neil Young Tradotto

Leggi anche: 

Nessun commento:

Posta un commento