26 novembre 2016

DORIS LESSING: IL SENSO DELLA MEMORIA



Di questa scrittrice, premio Nobel per la letteratura, ho letto Shikasta e Il senso della memoria. Entrambi questi libri (il primo un romanzo estremamente lungo e complesso che si può considerare di matrice fantascientifica, il secondo una troppo breve antologia che unisce due saggi e un racconto) parlano di memoria e caducità. Il racconto incluso in Il senso della memoria, di cui serbo il ricordo più vivido, parla del declino di una civiltà, un tempo fiorente, causato dalle scelte sbagliate di uomini volubili e deboli. Il tutto viene raccontato tramite la voce di Dodici, l'ultimo rimasto degli anziani governanti, che scrive le sue memorie. Il messaggio che l'autrice trasmette, tramite una storia semplice e adatta anche ai lettori più giovani, è l'estrema precarietà tanto della vita di ciascuno di noi preso come singolo, quanto della civiltà umana nella sua totalità. Entrambe le cose soltanto in apparenza sono solide e fiorenti: siamo abituati a considerarle così per via del nostro punto di vista, interno e soggettivo. Cambiando prospettiva e assumendo un punto di vista, per così dire, cosmico, tutto appare estremamente debole e precario.

8 novembre 2016

KING: FINE TURNO (2016), COME TI COMANDO A DISTANZA GRAZIE A UN VIDEOGAME


Mr. Mercedes era una sorta di satira, cruda e tagliente, di un'epoca inflazionata dalle serie tv e lacerata dalla crisi del lavoro e dell'economia. Chi perde paga era una deviazione sui territori conosciuti dell'ossessione e della letteratura. In End of Watch, uscito quest'anno come capitolo conclusivo della trilogia, ci si aspettava un altro tema importante a fare da sfondo alle corse dei protagonisti (l'ex detective Bill Hodges e la sua aiutante Holly). Il tema c'è anche stavolta, e si tratta di questo: internet e i videogiochi come sistemi di controllo e persuasione, canali attivi per un lavaggio del cervello spietato e fatale nei confronti della nuova generazione adolescente. Però... il tema non è così centrale come avrebbe potuto essere: Stephen King lo sfiora, in particolare nella seconda parte del romanzo, senza approfondirlo più di tanto. Un peccato, perché con un pizzico di speculazione in più il libro sarebbe stato ancor più efficace, uscendo dalle righe del semplice thriller sovrannaturale, guadagnando quel “qualcosa in più” che avrebbe permesso a King di chiudere la trilogia con un colpo da maestro.