20 luglio 2017

STEPHEN KING CONNECTIONS: COLLEGAMENTI TRA LE OPERE (pt.6)


Dolores Claiborne (1991)
- Inizialmente concepito insieme a Il gioco di Gerald come un unico romanzo in due parti intitolato “In the Path of the Eclipse” (Sul sentiero dell'eclisse).
- Sia qui che in Il gioco di Gerald ha ruolo l'eclissi di sole del 1963, e le due donne protagoniste hanno visioni l'una dell'altra.
- L'isola di Little Tall è la stessa di La tempesta del secolo.
- Viene nominato il carcere di Shawshank (Rita Hayworth e la redenzione di Shawshank).
- La figlia di Dolores, Selena Claiborne, è la protagonista del racconto Parto in casa.
- Viene menzionata la città di Jerusalem's Lot, protagonista del racconto omonimo e di Il bicchiere della staffa, e del romanzo Le notti di Salem (ma citata anche in altri romanzi).


10 luglio 2017

Pillole - GOTHAM: STAGIONI 1 & 2


L'aspetto che ho trovato più interessante della serie tv Gotham quando è uscita la prima stagione, era il suo essere una vera e propria fiera del grottesco: le facce e l'interpretazione dei personaggi, quantomeno i cattivi (Pinguino, Nygma, Fish Mooney), valevano da sole la serie intera. Molto meno incisive erano le peripezie dei buoni, ovvero gli agenti della polizia di Gotham, per quanto la coppia Gordon-Bullock regalava i suoi momenti (imbarazzante invece la storia del piccolo Bruce Wayne, che per quanto mi riguarda poteva essere lasciata da parte).
Con la seconda stagione, che in teoria si concentra ancora di più sull'origine dei cattivi, hanno fatto la loro apparizione altri volti grotteschi (il dr. Hugo Strange nel bellissimo carcere-manicomio di Arkham, Victor Fries, Theo Galavan e persino un “prototipo” del Joker) ma i ritmi sono andati allentandosi e sono cresciuti un po' troppo i sentimentalismi nella parte dei buoni (gli amori e le difficoltà di Gordon e di Bruce talvolta si reggono a stento). Il risultato è che la serie ha perso un po' di mordente disperdendosi in tante direzioni e costituendosi di eventi episodici, troppo veloci e insignificanti per creare davvero la mitologia sull'origine dei cattivi che prometteva (con la sola eccezione, forse, della storia di Galavan, che però è meno interessante di un dr. Strange o di un Joker).

6 luglio 2017

STEPHEN KING CONNECTIONS: COLLEGAMENTI TRA LE OPERE (pt.5)


Gli occhi del drago (1987) 
- Ambientato nell'universo di Roland, sorta di spin-off. In momenti diversi della saga della Torre Nera, Roland racconta di aver visto Thomas e Dannis inseguire Flagg; parla con Calvin Torre di suo nonno Alaric Deschain, del reame di Garlan (vicino a Delain) e di un drago. Nel racconto Le piccole sorelle di Eluria si dice che Delain è terra di bugiardi.
- L'antagonista è il mago Randall Flagg, il demone che appare anche nella saga della Torre Nera e in L'ombra dello scorpione. A un certo punto parla delle Pianure di Leng (riferimento a Lovecraft): le nomina anche Leland Gaunt in Cose preziose.
- Il personaggio di Rhiannon del Coos è analogo a quello di Rhea del Coos (La sfera del buio).