20 dicembre 2017

NUOVE ETEROTOPIE: ANTOLOGIA DEL CONNETTIVISMO ITALIANO


https://www.amazon.it/Nuove-eterotopie-Lantologia-definitiva-connettivismo/dp/8825403143/ref=as_sl_pc_as_ss_li_til?tag=malcolm07-21&linkCode=w00&linkId=ef140931a1ddc5131c6437e75bd86190&creativeASIN=8825403143

Nuove Eterotopie rappresenta la coralità delle voci italiane legate al movimento connettivista. Più che movimento, a leggere questa antologia davvero variegata per stili, temi e sapori narrativi, viene naturale parlare di ispirazione. Il connettivismo non è limitato a un genere, né può essere definito da uno stile o una tematica particolare: sempre che sia davvero definibile, costituisce proprio l'esplorazione delle connessioni (gli interstizi, come vengono definiti nell'introduzione al volume) e di una molteplicità di approcci che volontariamente è caleidoscopica e inclassificabile. È chiaro che il connettivismo, e con esso Nuove Eterotopie, si fa vanto della sua anti-etichettabilità, a meno che non si scindano l'un l'altro i racconti e ogni voce venga isolata dalle altre (cosa probabilmente sbagliata da fare). Anche all'interno dello stesso racconto possiamo trovare influenze weird, noir, di fantascienza new wave e classica, e del fantastico avventuroso ottocentesco (non a caso il primo racconto omaggia Verne e gli altri scrittori di quel periodo).
Impossibile e ingiusto, perciò, anche semplicemente recensire un'antologia come questa: a seconda delle inclinazioni di ciascuno, ci sono racconti che più di altri prendono forma davanti agli occhi e restano scolpiti nella memoria (come vale per qualsiasi antologia). La forza d'insieme è impressionante: ci troviamo di fronte a una narrativa non “facile”, al contrario complessa, articolata, sperimentale, ma sempre piacevole alla lettura. Una letteratura densa, è l'unico aggettivo che credo azzecchi con l'intento connettivista. La densità regna sovrana in Nuove Eterotopie: alle trame si preferiscono le speculazioni sulle possibilità di presente e futuro (e perché no, anche possibilità inesplorate del passato), ogni voce di questo bel coro si pone delle domande (spesso non banali) ed è questa la cosa che conta di più, sempre.
L'antologia, edita da Delos, è stata curata da Sandro Battisti e Giovanni De Matteo, fondatori del movimento connettivista insieme a Marco Milani) e racchiude 16 racconti di altrettanti autori. Alla coralità italiana si aggiunge Bruce Sterling, ospite di una certa rilevanza (!) che arricchisce Nuove Eterotopie con un suo racconto lungo, inedito e ambientato in un'Italia futura, che nei suoi risvolti fortemente umanistici gioca proprio con i significati del termine connettivismo ma anche con la figura più classica della fantascienza: il robot.

Nessun commento:

Posta un commento