13 marzo 2011

PEARL JAM & VEDDER '08-'09 : INTO THE WILD & BACKSPACER


[Update 29.6.2012]
Il 2008 ha visto Eddie Vedder cimentarsi con la colonna sonora dello straordinario film Into The Wild di Sean Penn. L'album è di musica per lo più strumentale e acustica in uno stile caro a Eddie, il cui primo strumento fu proprio un ukulele (come il suo padrino Neil Young). Disco molto bello, ricco d'atmosfera, il cui unico difetto è l'essere troppo breve. Dai primi anni 2000 Vedder ogni tanto, in concerto, propone qualche pezzo acustico di suo pugno.




In Backspacer, il disco dei Pearl Jam del 2009, torna sui toni di Into The Wild con un paio di brani in cui mette anche qualche arco ("The End" e "Just Breathe"). All'opposto, buona parte della restante musica è rock veloce e duro. E poi c'è una manciata di splendidi brani di puro stile PJ, "Unthought Known", "Force Of Nature", "Amongst The Waves" e, ma sì, anche "The Fixer".
In generale Backspacer non mi ha convinto come i precedenti album. Credo che il suo maggior difetto sia la brevità generale ma soprattutto la velocità di alcuni brani. Preso con più calma sarebbe stato un grande disco. Per la prima volta sento una minor coerenza di fondo, di integrità. Lungi comunque dall'essere un disco mediocre, anzi.
Qualcuno ha anche gridato al miracolo sentendo una sonorità più vicina a Ten e Vs. Ma io come al solito non condivido. Backspacer ha qualcosa di ancora nuovo rispetto al passato, e rappresenta l'inizio di una nuova fase (coincisa con la fine del loro secondo decennio di carriera). Come sarà il futuro non lo so, ma so di potermi aspettare grandi cose. La creatività ai ragazzi non è mai venuta a mancare (anche in queste session hanno prodotto materiale sufficiente per un altro disco, anche se non credo che lo faranno perché i PJ hanno la tendenza a guardare solo avanti, secondo la buona tradizione rock).
Inoltre ho particolarmente apprezzato le ultime idee di Vedder, e scommetto che a breve vedremo un suo disco solista [infatti è uscito poi Ukulele Songs].



Out-takes Into The Wild.
“No More” distribuita in versione studio solo su iTunes come bonus track; la versione live (con Ben Harper) è reperibile sul soundtrack Body of War (2007).
“Photographs” anch'essa distribuita solo su iTunes.
“All The Way” è uscita solo su singolo di Vedder (2008).
“Bad Acting Hack” (o “Sean Penn Song”) è una canzone ironicamente dedicata al regista (è stata eseguita dal vivo).
Take alternativi o estesi di alcuni brani di Into The Wild circolano in rete.

Out-takes Backspacer.
Le session hanno prodotto 22 canzoni (il doppio di quelle pubblicate). Tra i titoli noti: “Shift”, “Dust”, “Agree To Disagree”, “Forward Thinking”, “In The Time Of A Man”, “Cigarette Song pt.I & pt.II”, “Yonder”, “High Crime”, “Of The Earth” (quest'ultima reperibile nell'unica versione eseguita dal vivo sull'official bootleg di Dublino 2010).
Turning Mist” reperibile sull'Xmas single 2009.
“Rock Around Barack” (cover di “Rock Around The Clock” con il testo variato) era stata distribuita sul sito ufficiale nel 2008.
Il demo “Need To Know” (2007), poi evolutosi in “The Fixer”, è presente in Pearl Jam Twenty.

Sitografia necessaria:
http://www.pearljamonline.it/index2.htm
http://en.wikipedia.org/wiki/Pearl_Jam

Leggi anche:
No Code
Vitalogy & Merkin Ball
Vs.
Ten 

2 commenti:

  1. un saluto da un coofan dei pearl jam. hai letto e sentio del nuovo solista di vedder? voce e ukulele in uscita l'11 maggio.
    bye

    RispondiElimina
  2. wow! l'avevo predetto! non ne sapevo nulla fino a ora... ottima notizia.
    ho un altro bell'articolo sulla musica dei PJ da pubblicare a breve. stay tuned!

    RispondiElimina