19 marzo 2017

KEROUAC: PIC - STORIA DI UN VAGABONDO SULLA STRADA


L'ultimo romanzo su cui Jack lavora è Pic – Storia di un vagabondo sulla strada, che parla delle vicende di un bambino di colore e della sua famiglia. Anche questa è un'opera iniziata molti anni prima: in effetti si basa sulla primissima protoversione di Sulla strada, una cinquantina di pagine scritte nel 1948 quando ancora il romanzo non era il ritratto che conosciamo dei viaggi di Jack e Neal. Kerouac lavora a Pic anche durante l'estate del 1951 in North Carolina, a casa con la madre e la sorella, ispirata sia dall'ambiente che lo circondava che dai viaggi che continua a fare. Probabilmente è in questa occasione che il romanzo che conosciamo oggi inizia ad assumere la sua forma, ma anche stavolta lo scrittore lo abbandona. Da sempre attento a conservare i suoi taccuini, nel 1969 Jack lo riprende in mano e lo conclude in aprile, per consegnarlo all'editore proprio in ottobre, il mese della sua morte.
Il risultato, sia per stile che soprattutto per temi, è un connubio tra la schiettezza di Orfeo emerso, la tragicità di La città e la metropoli, la poesia di Sulla strada e un pizzico dell'amarezza disillusa dei testi dell'ultimo periodo. Tutte queste influenze sono dovute alla lunga gestazione dell'opera, che ha “assorbito” elementi di momenti profondamente diversi nella crescita umana e letteraria dell'autore. A volte si stenta a riconoscere Kerouac: Pic è diverso da qualsiasi altro suo testo, ma purtroppo questa è anche l'unica sua caratteristica degna di nota. Nel complesso il racconto in prima persona (rivolto a un “nonno” che il protagonista bambino ha perduto) dimostra poco mordente e, com'è ovvio a questo punto, rimesta argomenti su cui non c'è bisogno di aggiungere altro a quanto già detto in oltre vent'anni di produzione letteraria.
Jack e famiglia si trasferiscono un'ultima volta, a St. Peterburg, Florida, dove si lascia definitivamente andare a sbronze e risse da bar. Dello scrittore che ha creato pagine di poesia pura come Visioni di Gerard, Dottor Sax, Sulla strada, I vagabondi del Dharma e Big Sur, sembra non restare nulla. Dopo un'ultima notte di sbornia, Jack Kerouac muore il mattino del 21 ottobre 1969 per un'improvvisa emorragia al fegato, distrutto dalla cirrosi epatica, a soli 47 anni. È tuttora sepolto all'Edson Catholic Cemetery di Lowell.

«Quello che vidi allora era proprio come quando ho visto il mondo per la prima volta, ti dico.»
Jack Kerouac, Pic


Leggi anche:
Vanità di Duluoz

Nessun commento:

Posta un commento