20 maggio 2017

STEPHEN KING CONNECTIONS: COLLEGAMENTI TRA LE OPERE (pt.1)


E' giunto il momento di tornare a parlare di Stephen King, in quello che si appresta a essere un anno dedicato al Re (con due importanti film in uscita al cinema, La torre nera e IT; due serie tv, The Mist e Mr. Mercedes; due romanzi, Gwendy Button Box e Sleeping Beauties; più varie altre cose). 
Da tempo prevedevo la pubblicazione del lavoro maniacale che ho svolto negli anni passati per riunire buona parte (dire tutti sarebbe presuntuoso) degli indizi che collegano insieme le opere di King. Avevo perfezionato il lavoro un paio d'anni fa quando stavo preparando il mio saggio Il signore delle Torri, poi pubblicato su Stephen King: L'altra metà oscura (un volume curato da Lorenzo Ricciardi). Ma alla fine è rimasto inedito e chiuso in un cassetto (o meglio, nella cartella Documenti del mio pc).
Quale momento migliore se non questo per darlo in pasto ai Fedeli Lettori italiani che mi leggono e che sanno di cosa stiamo parlando? Intendo dire, conoscono bene l'importanza quasi universitaria di questo argomento: la mitologia creata a King, un vero e proprio universo di luoghi, personaggi e storie, non è banale né semplice da esplorare. Spero che il lavoro fatto (che pubblicherò in più parti su BeatBlog con regolarità nelle prossime settimane) riesca a trasmettere bene questo concetto. 
Ovviamente non si può dire concluso, anzi è aperto ai suggerimenti: sono certo che vi sono molti altri indizi scovati da qualcun altro che si potrebbero aggiungere. Quelli che ho elencato non sono stati trovati tutti da me (che mostro sarei!), mi sono basato su varie fonti web internazionali. Nei commenti potete aggiungere qualsiasi cosa che mi sia sfuggita. L'elenco è aggiornato fino a Doctor Sleep (2013), pertanto non contempla romanzi e racconti pubblicati successivamente.
Enjoy!


Saga della Torre Nera (1982-2012)
L'ultimo cavaliere – Terre desolate – La chiamata dei tre – La sfera del buio – I lupi del Calla – La canzone di Susannah – La torre nera – La leggenda del vento
Considerata il fulcro delle connessioni. Tutte le connessioni sono riportate per ciascuno degli altri romanzi.


Carrie (1974)
- Le persone con poteri psichici come Carrie, nella saga della Torre Nera e in altri romanzi sono definite Frangitori. Altre figure di Frangitori sono Ted Brautigan (La Torre Nera, Cuori in Atlantide), Charlie (L'incendiaria), John Smith (La zona morta), Dinky Earnshow (Tutto è fatidico), Danny Torrance (Shining e Doctor Sleep).
- La scuola di Chamberlain è frequentata anche dal figlio di Clayton in Cell.
- Viene nominata la canzone “Hey Jude” che ricorre nella Torre Nera.
- Il personaggio di Morton utilizza ogni tanto frasi di John Wayne, come Blaine nella Torre Nera.
- L'espressione “mortimer snerd” (in originale) appare anche in The dome.


Le notti di Salem (1975)
- Padre Callahan diventa uno dei principali personaggi della saga della Torre Nera (a partire da I lupi del Calla).
- Barlow parla a Callahan del “potere del bianco”, concetto che appare nella saga della Torre.
- Il protagonista è uno scrittore, come in Mucchio d'ossa, It, Misery, Shining, La metà oscura, Tommyknockers, Desperation, La storia di Lisey e diversi racconti (Il virus della strada va a nord, 1408, Il word-processor degli dei, La fine del gran casino, Dedica, Area di sosta, L'ultimo caso di Umney, Finestra segreta giardino segreto).
- Casa Marsten ha un'aura simile alle case che appaiono in La casa del buio, It, Rose Red (serie tv), nel racconto Ti prende a poco a poco e nella saga della Torre Nera.
- Sono ambientati a Salem's Lot anche i racconti Jerusalem's Lot e Il bicchiere della staffa; la cittadina viene menzionata anche nella saga della Torre Nera, in Pet Sematary, La zona morta, Shining, Dolores Claiborne, L'acchiappasogni, Unico indizio la luna piena e nella novella Il corpo.
- Mark Petrie ripete uno scioglilingua che appare anche in bocca a Bill Denbrough di It.
- Clyde Corliss compare in Unico indizio la luna piena, dove dice di essere fuggita da Salem.
- Il titolo provvisorio del romanzo era Second Coming; in Blaze questo è il titolo di un film di vampiri.


Shining (1977)
- Il romanzo avrà seguito in Doctor Sleep, nel quale si palesano i riferimenti alla Torre Nera.
- Il protagonista è uno scrittore, come in Le notti di Salem, Mucchio d'ossa, It, Misery, Desperation, La metà oscura, Tommyknockers, La storia di Lisey e diversi racconti: Il virus della strada va a nord, 1408, Il word-processor degli dei, La fine del gran casino, Dedica, L'ultimo caso di Umney, Area di sosta, Finestra segreta giardino segreto).
- La somma delle cifre di 217 (la stanza infestata) è 19, numero chiave nella saga della Torre Nera.
- La frase su cui scherza Jack a proposito dell'insanità mentale (che deriva da un poema scritto da King al college) assume un ruolo preponderante in La storia di Lisey.
- Dick Hallorann appare anche in un flashback in It: è il cuoco dell'esercito che salva il padre di Mike Hanlon da un incendio.
- Il protagonista del romanzo che scrive Jack si chiama Denker, che è anche il nome assunto dal nazista Dussander dopo la fuga nel racconto Un ragazzo sveglio.
- Mamma Abagail di L'ombra dello scorpione è dotata di capacità telepatiche, e menziona lo “shining” (luccicanza).
- Denny definisce l'alcolismo del padre “la brutta cosa”; lo stesso termine viene usato in L'incendiaria riferito all'abilità pirocinetica di Charlie.
- Viene menzionata la città di Jerusalem's Lot, protagonista del racconto omonimo e di Il bicchiere della staffa, e del romanzo Le notti di Salem (ma citata anche in altri romanzi).
- Jack viene licenziato dalla Stovington Preparatory School. A quella scuola si reca uno degli allievi di John Smith in La zona morta; Stovington è anche la città dove Stu Redman viene imprigionato in L'ombra dello scorpione.
- Shining, i suoi protagonisti e l'Overlook Hotel vengono menzionati in It, I vendicatori, La tempesta del secolo, Misery, Tommyknockers e nella saga della Torre Nera (negli ultimi due il riferimento è al film).
- Una stanza n°217 viene nominata anche nel racconto Un ragazzo sveglio.


Leggi anche:
La metà oscura: il fascino dell'autobiografia reinventata
Il bazar dei brutti sogni: consolidare la tradizione senza smettere di sorprendere
Fine turno: come ti comando a distanza grazie a un videogame
Chi perde paga: possedere il proprio idolo fino alla morte
Revival: ritrovare il gotico nell'America contemporanea
Uscita per l'inferno: scegliere la via per l'autodistruzione
Ossessione: cronache di autentica rabbia

Nessun commento:

Posta un commento